Gli orti non muoiono in inverno, nonostante il freddo

Seminare in ottobre e novembre nonostante il gelo

Di Claudio, 03/11/2021
Due giorni fa, in un altro forum, Alessandro scriveva “l'orto lo do per morto”, parlando dell’arrivo delle stagioni fredde. Come a confermare le sue parole, ieri è arrivata la prima gelata di questo autunno inglese, e a casa mia abbiamo acceso il riscaldamento. Eppure, nonostante il buon senso delle parole di Alessandro (e la rima), l’inverno non mi fa rinunciare a tirare su nuove piante.

Ravanello daikon (Raphanus sativus var. longipinnatus)
Germogli di ravanello daikon (Raphanus sativus var. longipinnatus)

Bluto Blutarsky fa il trichecoSe il mio benessere economico, la mia sopravvivenza o anche solo il mio stipendio dipendessero dalla mia capacità di produrre una specifica quantità di verdura correrei sicuramente meno rischi, nella scelta del periodo della semina. Ma non è così, anche se mi piace mangiare ciò che coltivo. Mi piace andare contro le opinioni comuni, come quella per cui nel momento in cui inizia a fare freddo uno deve limitarsi a curare il terreno e prepararlo per la primavera successiva. No, grazie! Come diceva John Belushi / Bluto Blutarsky in Animal House (eccolo), “è forse finita quando i tedeschi hanno bombardato Pearl Harbour?”. Questo e' il mio livello di buon senso: un tizio che non sa di cosa parla e usa due matite per imitare un tricheco.

Tre cold frame e alcune piante di kale
Tre cold frame e alcune piante di kale

Germogli di lattuga a tre giorni e a cinque giorni dalla 'semina'Per cui in questi giorni ho 8 nuovi vasetti con vari semi in attesa di germinazione, ho germogli di cavolo nero che stanno crescendo, altri di ravanelli Daikon, lattuga, cavolo cinese e persino fagiolini nani, che stanno emergendo o sono quasi pronti per essere trapiantati in vaso. Alcuni di questi germogli, quando saranno un po’ più grandi, verranno posti nel conservatory, altri finiranno nelle tre mini-serre (due acquistate, una basata su quelle che costruii lo scorso), e altri dovranno stare all’aperto. I cavoli neri, per esempio, non sembrano soffrire il freddo.

Boh, perché parlo di queste cose? Forse è solo perché i benefici per la salute fisica e mentale portati dal giardinaggio non hanno bisogno di terminare con i primi freddi autunnali.

Contenitori vari nel punto più caldo del conservatory
Contenitori vari nel punto più caldo del conservatory. I bicchieri da caffè e le coppette trasparenti (ex panna cotta) contengono semi in fase di germinazione

Ritagli di kale (cavolo nero)Tra le altre cose che stanno bollendo in pentola, per così dire, ci sono dei rametti di rosmarino che spero tirino fuori delle radici, in modo da poterli affiancare ad una vecchia pianta di rosmarino, in giardino, che è un po’ malmessa; tanti semi di pak choi (cavolo cinese) messi in un vasetto di yogurt (previa rimozione dello yogurt) solo ieri, che tengo in casa e spero germinino in fretta in modo da poterne vedere e mangiare i frutti (meglio: le foglie) quest’inverno. Carote rotonde, e che spero producano qualcosa, visto che le uniche due maturate quest’anno (da dieci semi) erano così brutte che mi hanno spaventato e non le ho mangiate. Ho poi staccato dalle mie piante di cavolo nero più grandi da alcune foglie con stelo molto spesso, quasi dei rami, da cui sto cercando di far crescere nuove piante; avevo fatto l’errore di mettere questi “rami” nel terreno, dove però non ricevono luce solare, li ho quindi trasferiti in un vaso, pochi minuti fa.

Infine, sto provando a salvare i fagiolini nani, le cui piante stanno soffrendo il freddo già da più di un mese: le ho rimosse dal terreno (e sono rimasto sorpreso da quanto sono corte le radici) e le ho spostate in alcuni contenitori nei cold frame. Sopravviveranno all’inverno? Vedremo.

Ritagli di rosmarino
Rametti di rosmarino

Sarei curioso di sapere cosa fai tu che leggi, nel tuo giardino, in questo periodo.


Data: 03/11/2021 alle 02:24
©2021 Il Mio Giardino. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.
Claudio

L'autore: Claudio

Vivo in Inghilterra, scrivo codice, faccio foto, cammino in montagna e in collina.


Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato

Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Questa domanda à per verificare che tu sia umano.